30 settembre 2022 50

Le 10 Migliori Alternative ad AdSense nel 2022

Google AdSense è uno strumento molto usato che consente di guadagnare online sfruttando il vostro sito web o il vostro blog. Per molto tempo, Google AdSense è stato il punto di riferimento di tutti i marketer per gli annunci e per monetizzare diverse piattaforme. A giudicare dai suoi 10 milioni di utenti, è una scelta molto apprezzata non solo dai marketer ma anche dagli inserzionisti.

Pur essendo una soluzione eccellente che offre innumerevoli vantaggi, non è l’unica opzione disponibile. Se avete avuto problemi con l’approvazione di un account o se volete semplicemente diversificare le vostre entrate, ci sono molte alternative che potete valutare. La maggior parte di esse presenta delle caratteristiche ottime e consente di ottenere un guadagno aggiuntivo diverso dalle fonti di reddito tradizionali.

Quasi tutte le reti pubblicitarie utilizzano un sistema automatizzato per inserire diversi annunci in un’area specifica del vostro sito web. Quando un utente interagisce con questi annunci o li clicca, o anche li guarda, ricevete una piccola quota o una commissione perché lo avete incentivato a compiere tale azione grazie alla vostra copertura.

Se siete alla ricerca della migliore rete pubblicitaria, vedrete che esistono tantissime opzioni diverse da Google AdSense. Tuttavia, la maggior parte di voi ha troppa paura di verificarle, dato che non sono molto conosciute. Questo articolo si propone di aiutarvi a scoprire ed esplorare le alternative che offrono vantaggi reali per la monetizzazione del vostro sito web.

Innanzitutto, vediamo perché avete bisogno di un’alternativa o di una fonte di reddito aggiuntiva.


Perché Mi Serve un’Alternativa ad AdSense

Non c’è nulla al mondo che non abbia dei lati negativi, e lo stesso purtroppo vale per Google AdSense. È una piattaforma di monetizzazione eccellente ed estremamente facile da usare, ma ha i suoi svantaggi. Ecco alcuni motivi molto validi per prendere in esame altre opzioni per monetizzare un blog appena lanciato.


Problemi di Idoneità

Google AdSense funziona come un club esclusivo, con requisiti specifici per poter entrare a farne parte. Per essere ammessi come partner, infatti, le metriche del vostro sito devono raggiungere determinati valori.

Se Google non vi approva come partner, avrete bisogno del supporto di una rete pubblicitaria meno rigida che vi permetta almeno di iniziare a guadagnare. Il vostro account corre anche il rischio di essere sospeso a causa del sistema di rilevamento dei clic fraudolenti della piattaforma. Questo può accadere sia se inserite un annuncio non ammesso, sia se cliccate per sbaglio su uno dei vostri stessi annunci.

Anche facendo molta attenzione, non è difficile finire per violare i termini e le condizioni di Google AdSense, per cui potrebbe essere consigliabile utilizzare uno strumento più indulgente.

Commissioni

Anche se Google AdSense paga una percentuale competitiva, pari al 68% del totale delle entrate generate dagli annunci, alcune reti pubblicitarie offrono aliquote anche maggiori. Naturalmente, dovrete dimostrare competenza, costanza e qualità elevata nei contenuti del vostro sito, ma se venite approvati ne varrà decisamente la pena.

Opzioni di personalizzazione degli annunci

Alcune reti pubblicitarie offrono piena libertà creativa per adattare l’aspetto degli annunci in base al tema del vostro sito web, in modo che si inseriscano con maggior naturalezza nei contenuti che offrite sul blog. Il livello di personalizzazione è stabilito dal servizio nel contratto iniziale.

Molte reti vi permettono di selezionare le dimensioni e il colore, quindi sono più flessibili rispetto a Google AdSense.

Soglia minima di pagamento

La soglia minima di pagamento di una rete pubblicitaria è la quantità di denaro che dovete guadagnare prima di poter prelevare dalla piattaforma. Quella di AdSense è di 100 $, una cifra un po’ troppo alta rispetto alle altre piattaforme.

Se il vostro sito web è di piccole dimensioni o è stato realizzato solo in parte, ci vorrà molto tempo per raggiungere i 100 $. Potreste voler prendere in considerazione alternative che offrano una soglia minima più bassa.

Fonti di reddito supplementari

Invece di cambiare rete pubblicitaria, potete semplicemente utilizzarne un’altra in parallelo ad AdSense, diversificando così anche i flussi di reddito. Non c’è nulla di male in questo, a patto che rispettiate i termini di servizio di entrambe le piattaforme.

Se questa soluzione fa al caso vostro, ci sono molte alternative valide che potreste essere interessati a valutare.


Quale Tipo di Sito è Più Adatto a una Rete Pubblicitaria

In linea di principio, qualsiasi sito può aderire a una rete pubblicitaria, a condizione che ne rispetti i termini di servizio. Tuttavia, alcuni tipi di siti sono più adatti alle reti rispetto ad altri. Elenchiamo di seguito i più papabili:

  • Quando si tratta di reti pubblicitarie, i blog si collocano decisamente al primo posto. Se siete dei blogger che pubblicano regolarmente contenuti di alta qualità sul vostro sito web, dovreste approfittarne. Ma dovete avere il buon senso di creare prima una quantità sufficiente di contenuti di alta qualità per ottenere il pubblico con cui monetizzare gli annunci. Digital Inspiration è un sito web che offre suggerimenti e tutorial in ambito digitale e posiziona gli annunci in modo molto strategico, senza coprire minimamente il contenuto e consentendo al webmaster di generare un guadagno extra.
  • Forum di discussione pubblici. Invece di un blog, potete dedicarvi a un forum incentrato su un argomento specifico. Può riguardare un tema che permette alle persone di interagire e in questo modo il vostro sito web otterrà un buon numero di follower. In seguito potrete monetizzare il vostro pubblico utilizzando una rete pubblicitaria. Cat Forum è un sito dedicato alle discussioni sugli animali domestici, in particolare sui gatti. Ecco come posizionano gli annunci per monetizzare:

  • Strumenti online. Gli strumenti online generano solitamente un traffico di alta qualità, ed è per questo che l’utilizzo di annunci è uno dei modi migliori per compensarne i costi. Avete già del traffico, perché non generare un reddito?

Quindi, in sintesi, qualsiasi sito web che abbia un traffico superiore alla media può essere considerato ottimo per le reti pubblicitarie.

Hai un sito web che rientra nelle tre categorie citate sopra?
0 voti

Le Migliori Alternative ad AdSense

Come abbiamo detto, esistono numerose altre reti pubblicitarie che svolgono la stessa funzione di Google AdSense. Tuttavia, è abbastanza complicato trovarne una che si adatti alle vostre esigenze e che abbia un’offerta sufficientemente buona da convincervi. Ecco perché qui sotto elenchiamo le dieci migliori alternative che potete utilizzare.


1. Media.net

Media.net, un servizio offerto da Bing e Yahoo!, è da anni il leader degli annunci contestuali. Essendo offerto da un motore di ricerca, è uno dei migliori dopo Google AdSense e rappresenta quindi una valida alternativa.

Questa rete offre $5 per 1 000 impressioni e consente di inserire fino a 3 annunci su ogni pagina. Questi numeri possono farvi raggiungere cifre elevate, ed è per questo motivo che vale la pena che diate un’occhiata alla piattaforma, che permette inoltre di utilizzare diversi tipi di annunci display e nativi, sia per la versione per dispositivi mobili che per quella desktop.

Se procedete in modo intelligente, potete guadagnare molto denaro con questi annunci. Media.net ha una serie di requisiti che sono simili a quelli di Google AdSense. Il vostro blog deve offrire traffico di alta qualità e avere un aspetto pulito e professionale.

Il requisito principale è che la maggior parte del traffico provenga da Paesi sviluppati, come Stati Uniti, Regno Unito e Canada.

In sintesi, se state cercando l’alternativa più simile ad AdSense, la soluzione è Media.net. È un valido concorrente di AdSense in termini di soglia minima di pagamento, di percentuale della commissione e anche di qualità e funzionalità.

Ha un una soglia minima pari a $100, che è la stessa di AdSense. È possibile iscriversi sul loro sito web e ci vogliono circa 5 giorni perché la richiesta venga elaborata. Potete utilizzare PayPal per ricevere i pagamenti.

Harsh Agarwal del blog ShoutMeLoud utilizza Media.net per gli annunci pubblicitari sul suo sito web ed è stato felice di raccontare come la rete pubblicitaria sia assolutamente fantastica, visto che grazie ad essa ha guadagnato $342,83 in un mese.

Inoltre, ha dichiarato di essere molto soddisfatto della dashboard e delle funzioni di gestione generale di Media.net.


2. Infolinks

Infolinks rappresenta un’altra buona opzione se volete qualcosa di simile ad AdSense in termini di commissioni e livello di personalizzazione. Utilizza gli annunci in-text, il che significa fondamentalmente che esaminerà tutti i contenuti pubblicati sul vostro sito, identificando le keyword di interesse, e quindi genererà automaticamente annunci che verranno visualizzati proprio accanto alle parole chiave o agli snippet di testo pertinenti non appena il visitatore vi passerà sopra con il cursore. I contenuti in cui verranno inseriti gli annunci possono essere i post dei blog o anche i testi delle landing page.

Se avete un blog, Infolinks è la scelta migliore per guadagnare bene. Perché? Semplicemente perché le pagine dei blog contengono molte più parole di qualsiasi altro tipo di contenuto. Un numero maggiore di vocaboli significa avere più opportunità per annunci pertinenti. Una soluzione vantaggiosa per tutti, non vi pare?

Dato che il vostro pubblico è già interessato a ciò che avete da dire, cliccherà sui link che lo indirizzano a contenuti simili. Gli annunci vengono visualizzati più o meno in questo modo:

La piattaforma ha anche dei termini di servizio molto semplici, quindi potrà essere utilizzata dalla maggior parte dei blog. Non ci sono limiti minimi di traffico o di visualizzazioni di pagina, perciò potete cominciare a utilizzarla quando volete. Dispone inoltre di una dashboard che consente di monitorare i guadagni.

Su Internet ci sono recensioni entusiastiche su Infolinks, e a ragione. Ecco la prova dei guadagni generati che il blog ShoutMeLoud ha pubblicato sul proprio sito web. Infolinks è la rete che utilizzava prima di passare a Media.net.

Infolinks effettua i pagamenti tramite PayPal, Western Union e Payoneer. Se nel vostro Paese non è consentita nessuna di queste tre modalità di pagamento, non potrete utilizzare questa rete. La soglia minima di pagamento è di soli $50, una cifra sorprendentemente bassa, e il compenso è di $2 per 1 000 impressioni.


3. PropellerAds

PropellerAds è una delle piattaforme di monetizzazione in più rapida crescita che offre opportunità sia ai siti web già affermati che a quelli più recenti. È famosa soprattutto per gli annunci pop-up o pop-under che si caricano dietro la finestra del browser e appaiono quando si riduce a icona la finestra principale. Pertanto, non disturbano assolutamente il contenuto del sito.

Se pensate che questo tipo di annunci sia qualcosa che il vostro pubblico molto probabilmente ignorerà, è disponibile un pacchetto speciale. Vengono offerte opzioni pubblicitarie mirate e non mirate per la versione desktop dei siti web, tra cui banner, annunci nativi e video.

PropellerAds offre una serie di funzioni eccellenti, tra cui una copertura globale, pubblicità pulite, un sistema che aggira il blocco degli annunci e un’enorme comunità di editori in grado di supportarvi.

Dispone inoltre di diversi pacchetti dedicati alle versioni per dispositivi mobili dei siti web e offre persino l’opzione delle notifiche push per questo tipo di utenti.

Come Infolinks, non ha requisiti minimi da rispettare per iscriversi al servizio, ma tutto questo ha un prezzo. La remunerazione offerta per 1 000 impressioni è di $2 per i siti che esistono da tempo e di $1,50 per i nuovi blog.

Tuttavia, se volete un servizio che abbia una soglia minima di pagamento bassa, allora PropellerAds dovrebbe essere la vostra prima scelta, dal momento che il limite è di soli $5, tramite PayPal, e i pagamenti vengono comunque effettuati ogni mese.


4. Native Shopping Ads di Amazon

Sicuramente conoscete Amazon come motore di ricerca, ma sapevate che ha anche un programma di annunci nativi? I Native Shopping Ads di Amazon fanno parte del Programma di Affiliazione Amazon, e consentono a blogger e proprietari di siti web di inserire annunci nativi di prodotti Amazon nelle pagine del proprio blog.

Poiché le categorie di prodotti presenti sul sito di Amazon sono molto diverse tra loro, la percentuale di commissione che vi verrà pagata varia. Questa tabella vi sarà utile:

Gli annunci di solito sono molto ben inseriti nei contenuti e sono anche personalizzabili in termini di dimensioni e colori, in modo che non interferiscano con il tema della vostra pagina. Trattandosi di annunci mirati, di solito vertono sull’argomento del post. Qui sotto potete vedere come appaiono su un sito web. Dal momento che il testo parla di tennis, anche gli annunci sono relativi a questo sport.

Quando un visitatore clicca sul vostro annuncio e compra un prodotto su Amazon, voi guadagnate una commissione sull’acquisto, proprio come un programma di affiliazione, ma senza bisogno di un sito web dedicato. Inoltre, grazie alla capacità di Amazon di vendere milioni di prodotti ogni giorno, attraverso questi annunci avrete un flusso di entrate più consistente rispetto ai programmi della concorrenza.

Amazon effettua pagamenti bimestrali, ovvero ogni 60 giorni, tramite bonifico diretto sul conto e la soglia minima è di soli $10.

Non c’è una remunerazione fissa per 1 000 impressioni, poiché il compenso è basato su una commissione che può andare dal 4% all’8%, a seconda dell’offerta.


5. Revcontent

Revcontent è un’altra piattaforma per gli annunci nativi, che sono personalizzati appositamente per il vostro sito in modo che non risaltino troppo, valorizzando i contenuti del vostro blog e integrandosi perfettamente con grafica e immagini. Si tratta di annunci altamente mirati, visivamente armoniosi e disponibili in diversi formati come la versione per desktop e per dispositivi mobili, gli annunci display e quelli video.

Inoltre, Revcontent gode delle recensioni migliori sia da parte degli editori che degli inserzionisti, grazie all’eccellente servizio clienti. Collabora con aziende che hanno maggiori probabilità di generare un numero elevato di visite per gli annunci, incoraggiando gli inserzionisti a pagare commissioni più elevate.

L’unico aspetto negativo è che la piattaforma è estremamente selettiva, e a ragione. Il servizio che offre è straordinario, i clienti pagano molto bene e gli annunci sono nativi. Per candidarsi e venir approvati bisogna avere 50 000 visitatori mensili sul proprio sito e attenersi ad un piano editoriale per i contenuti che preveda la pubblicazione di nuovi post con una certa frequenza e regolarità.

Questa rete pubblicitaria offre inoltre praticamente tutte le funzionalità di base, tra cui font personalizzati, caricamento rapido delle pagine, e-mail e newsletter, Google AMP e annunci video.

La percentuale di candidature respinte è elevata, ma visti i vantaggi vale comunque la pena tentare. I pagamenti vengono effettuati su base mensile tramite PayPal, con una soglia minima di soli $50. Potete generare dai $4 ai $40 per 1 000 impressioni, quindi avete ottime possibilità di ottenere dei buoni guadagni.


6. RevenueHits

RevenueHits è una piattaforma di monetizzazione relativamente nuova nel settore, ma sta guadagnando sempre più consensi per la sua affidabilità. Può vantare uno strumento di ottimizzazione estremamente funzionale, che analizza le prestazioni degli annunci e suggerisce la posizione migliore dove inserirli.

Essendo una piattaforma nuova, non sono previsti requisiti minimi di visite mensili, il che significa che potete iscrivervi anche se avete un sito appena creato. Tuttavia, il pagamento avviene in base alle prestazioni anziché in base ai clic e dovrete impegnarvi davvero per guadagnare.

Perché possiate generare entrate, il vostro pubblico deve cliccare sull’annuncio e completare l’azione a cui esso rimanda. Queste azioni variano in base alla natura dell’annuncio, e vanno dall’acquisto di un articolo all’iscrizione a un elenco, fino alla visione di un video.

Stream SEO ha effettuato una valutazione di RevenueHits e ha pubblicato le statistiche sulle impressioni:

Iftiseo è un altro blogger che non può fare a meno di elogiare questa rete. Ecco i suoi dati statistici:

RevenueHits effettua pagamenti su base mensile tramite PayPal o Payoneer, con una soglia minima di $20. La remunerazione va da 0,50 a $30 per 1 000 impressioni.


7. Bidvertiser

Bidvertiser utilizza un meccanismo diverso rispetto alla maggior parte delle altre reti pubblicitarie, in quanto funziona con un sistema di campagne di offerte. Anziché inserire annunci tramite un algoritmo, questa piattaforma vende spazi pubblicitari e ad aggiudicarseli è chi paga di più, proprio come in un’asta.

Sono disponibili cinque diversi formati di annunci, tra cui quelli nativi, notifiche push per utenti di dispositivi mobili, navigazione diretta per utenti desktop, annunci pop-under per la versione desktop e XML.

Questo sistema presenta sia vantaggi che svantaggi. Da un lato, se il vostro sito genera un buon traffico, gli inserzionisti pagheranno prezzi più alti per il vostro spazio e voi guadagnerete di più da questa asta rispetto ad AdSense.

D’altra parte però, se il vostro sito non ha abbastanza traffico, non riceverete offerte. Ecco perché dovreste analizzare le categorie di blog coperte da Bidvertiser e verificare se il sistema dell’asta possa funzionare per voi oppure no.

In caso affermativo, potrete trarre vantaggio dallo strumento di personalizzazione della piattaforma, facile da usare, dai pagamenti derivanti sia dalle conversioni che dai clic e dall’assenza di requisiti specifici per l’approvazione. I pagamenti vengono effettuati tramite PayPal e la soglia minima è di soli $10.

Questa rete offre un servizio di alta qualità, con una trasparenza totale e ottimi strumenti di targeting e ottimizzazione.

Bidvertiser paga una tariffa variabile per clic, che va da $0,1 a $1, a seconda di quanto gli inserzionisti sono disposti a pagare in quel momento. E se i contatti provenienti dal vostro link si trasformano in clienti, riceverete $10 per ogni iscrizione.


8. Adcash

Adcash serve oltre 200 milioni di utenti e ogni mese vengono effettuati quasi 850 000 download della sua applicazione. Bisogna ammettere che, per essere una soluzione alternativa, sono numeri incredibili. Offre una grande varietà di formati pubblicitari, dai blocchi premium, come gli annunci nativi e pop-under, a quelli standard, come i banner.

La piattaforma è inoltre incredibilmente facile da usare e viene fornita con una dashboard che mostra le prestazioni degli annunci, che sono personalizzabili, in tempo reale. È quindi il sogno di ogni editore, perché non solo paga molto bene, ma fornisce anche informazioni sulle prestazioni degli annunci in relazione ai contenuti.

Utilizza un modello pay-per-click per i pagamenti, che prevede $1 o $2 per il traffico di primo livello per CPM. La soglia minima è molto bassa, pari a soli $25, e i pagamenti vengono effettuati tramite PayPal, Skrill, WebMoney e Payoneer. Adcash ha il vantaggio di non avere requisiti minimi di traffico.


9. BuySellAds

Se il vostro blog o forum di discussione genera costantemente molto traffico, BuySellAds è l’alternativa migliore. La piattaforma è davvero esclusiva e per venir approvati sono necessarie almeno 100 000 visualizzazioni di pagina al mese.

A questo si aggiunge una barriera linguistica, dato che vengono accettati solo i siti web con contenuti di alta qualità in inglese. Il design del sito deve essere curato, creativo e dimostrare un alto livello di professionalità. Ma se siete in grado di creare un blog di questo tipo, allora potrete usufruire della commissione pari al 75% di BuySellAds, che è migliore non solo rispetto ad AdSense, ma anche rispetto a quasi tutte le altre alternative presenti sul mercato.

La soglia minima di pagamento è di soli $20, tramite PayPal. La piattaforma offre svariati formati pubblicitari, come annunci di testo, feed RSS, banner, annunci via e-mail, annunci nativi e contenuti sponsorizzati.

A differenza di altre reti pubblicitarie, BuySellAds non prevede annunci mirati o automatizzati, il che significa che l’editore è libero di assegnare il proprio spazio pubblicitario a chi desidera.


10. Skimlinks

Skimlinks è famoso per l’affiliate marketing, il che lo differenzia rispetto alle altre reti pubblicitarie incluse nel nostro elenco. Come suggerisce il nome, Skimlinks analizza il testo del vostro sito web e identifica i link che portano ad altri siti. Se uno dei backlink o dei collegamenti ipertestuali porta al sito di uno dei venditori presenti sulla piattaforma, viene trasformato automaticamente in un link di affiliazione, che vi farà guadagnare una commissione per ogni vendita o impressione.

Ogni volta che un visitatore clicca su uno dei link, ottenete una commissione del 75%, una percentuale eccellente. Riceverete un’ulteriore commissione se tramite il link di affiliazione verrà generato un acquisto. Skimlinks è ideale per i blogger che si occupano di recensioni, in quanto aumenta le loro possibilità di guadagnare con gli annunci.

Skimlinks effettua i pagamenti ogni 90 giorni con una soglia minima di $10. Potete scegliere di ricevere i pagamenti tramite PayPal o bonifico bancario diretto.


Conclusioni

AdSense è uno dei modi migliori per monetizzare un sito web ed è anche molto popolare. Tuttavia, non è l’unica opzione presente sul mercato. Un’alternativa di alta qualità vi permetterà di assicurarvi una fonte di reddito aggiuntiva che vi stimolerà a lavorare di più su contenuti frequenti e di valore.

Quando dovete scegliere una rete pubblicitaria, non optate per la prima che vi capita di provare. Prendetevi invece il tempo necessario per testare diverse piattaforme per un periodo prestabilito.

Hai mai utilizzato un’alternativa ad AdSense?
0 voti

 

Come ti sembra questo articolo?