24 agosto 0 47

$126 000 al Mese con l’E-mail Marketing Usando Klaviyo

Oggi vi presentiamo un case study su Jonathan Zamora, un esperto di e-mail marketing che utilizzando Klaviyo è riuscito a far crescere da zero a $126 000 al mese il fatturato di un cliente derivante dalle e-mail.

In questo case study, analizziamo la struttura costituita da 5 fasi che ha usato per creare e scalare le campagne di e-mail marketing del cliente. Continuate a leggere per scoprire questa struttura e imparare come potete utilizzarla per il vostro sito web o per la vostra attività di marketing online.

La Situazione Iniziale del Cliente

Prima che Jonathan cominciasse a lavorare sullo store online di questo cliente, il fatturato totale era di $114 000 ed erano impostate solo due sequenze di e-mail, una per il carrello abbandonato ed una di ringraziamento per la transazione effettuata.

Il cliente non stava guadagnando molto dall’e-mail marketing.


Situazione Dopo l’Implementazione dell’E-mail Marketing

Il cliente ha deciso di assumere Jonathan e il suo team perché gestissero l’e-mail marketing e qui sotto potete vedere il risultato dopo un paio di mesi. In soli 30 giorni, il cliente è riuscito a realizzare $440 000 di vendite totali, il 29% delle quali provenienti direttamente da Klaviyo.

Per ottenere questi risultati, Jonathan ha utilizzato una struttura che combina flussi e campagne. Procediamo con l’analisi della struttura di e-mail marketing costituita da 5 fasi che usa ogni volta che inizia a lavorare con un nuovo cliente.

Fase 1. Impostare Sequenze di E-mail Automatiche

Jonathan inizia impostando sequenze di e-mail automatiche per i suoi clienti, organizzandole in 3 serie principali:

  • Serie per l’abbandono
  • Serie per il benvenuto
  • Serie per il ringraziamento per la transazione effettuata


La Serie per l’Abbandono

La serie per l’abbandono comprende 4 e-mail di base, che sono:

  • Abbandono della navigazione
  • Abbandono del sito
  • Abbandono del checkout
  • Abbandono del carrello


La Serie per il Benvenuto

Nick Shackleford: da Calciatore a una Spesa di Oltre 100 Milioni di Dollari in Pubblicità su Facebook

Si tratta della serie iniziale di e-mail inviate ai visitatori che compilano per la prima volta il modulo per la raccolta delle e-mail. Gli indirizzi e-mail della serie per il benvenuto vengono raccolti principalmente da un pop-up che compare sul sito web.

Questa serie è importante perché invia agli iscritti le prime e-mail che li invogliano a tornare sul sito web. Quando questi utenti visitano nuovamente il sito, si attivano i flussi aggiuntivi, come quello per l’abbandono.

La Serie per il Ringraziamento per la Transazione Affettuata

Si tratta della serie in cui vengono utilizzate molte strategie creative di marketing e monetizzazione, come ad esempio l’invio di offerte di upsell, sconti e persino la raccolta da parte dei clienti di contenuti generati dagli utenti.

L’impostazione di questa serie dipende dalla strategia complessiva del brand. È la serie che può aiutarvi a generare molte entrate grazie all’upselling.

Fase 2. Frequenza delle E-mail

La frequenza delle e-mail è il ritmo con cui vengono inviate. Jonathan non inizia mandando ogni giorno un mucchio di e-mail a una nuova lista di indirizzi di posta elettronica. Preferisce iniziare in modo lento e graduale, per poi passare a una frequenza maggiore a seconda dei KPI (indicatori chiave di prestazione) dei suoi clienti.

I clienti di solito hanno KPI variabili, che possono prevedere, ad esempio, l’invio di 4 o 5 e-mail a settimana. Tuttavia, Jonathan di solito inizia inviando da 2 a 3 e-mail alla settimana, perché questo gli consente di avere una buona frequenza e di raccogliere dati. Una volta ottenuti i dati iniziali, può prendere decisioni sulle campagne e-mail in base a metriche chiave come il tasso di apertura e il CTR (il rapporto fra il numero dei clic generati da un annuncio e il numero delle volte in cui l’annuncio stesso è stato visto).

Jonathan punta sempre a un tasso di apertura del 20% e a un CTR dell’1%. Una volta raggiunti questi obiettivi, può aumentare la frequenza delle e-mail per soddisfare i KPI del cliente.

Fase 3. Raccolta dei Dati

Per quanto riguarda la raccolta dei dati, Jonathan si concentra su quanto segue:

  • La salute della lista degli indirizzi di posta elettronica
  • La deliverability
  • Gli split test di offerte sulle e-mail migliori


La Salute della Lista Degli Indirizzi di Posta Elettronica

Quando iniziate a inviare le e-mail, ci saranno sempre persone che non sono in sintonia con le offerte o i messaggi che mandate. Dovete assicurarvi di escludere alcuni degli utenti che non aprono i vostri messaggi di posta elettronica.

Uno dei metodi utilizzati da Jonathan è analizzare le persone che utilizzano provider di posta elettronica diversi, come Gmail, AOL o Yahoo. Scopre quali utenti hanno un tasso di apertura o un CTR basso e li elimina dalle sequenze di e-mail meno coinvolgenti.

In questo modo, aumenta il tasso medio di apertura e, di conseguenza, la deliverability delle e-mail.

La Deliverability

La deliverability è un concetto che concerne come le e-mail vengono posizionate in una casella di posta elettronica. Possono essere consegnate nella casella di posta principale, in quella delle promozioni o persino nella cartella spam. L’obiettivo è quello di far arrivare le e-mail nella casella di posta principale.

Guadagnare fino a 9 Milioni di Dollari al Mese con AdSense

Per far arrivare le vostre e-mail promozionali nella casella di posta principale dovete avere tassi di apertura e CTR buoni, perché ciò vi consente di avere una valida reputazione con i provider di posta elettronica.  


Gli Split Test di Offerte Sulle E-mail Vincenti

Una volta che Jonathan ha capito quali sono le e-mail con i migliori tassi di apertura e CTR, esegue uno split test di diverse offerte su questi indirizzi di posta elettronica vincenti. Effettua split test con offerte diverse, come sconti, carte regalo, upselling, 2 al prezzo di 1 e così via.

Una volta individuata l’offerta che genera più entrate dopo lo split test, può procedere e utilizzarla nei pop-up di raccolta delle e-mail sul sito per ottenere un maggior numero di iscritti.

Utilizza questa tecnica anche per i clienti che hanno l’obiettivo di migliorare il tasso di raccolta delle e-mail dei propri siti. Il tasso che questo cliente desiderava era dell’8%, ma come si può vedere nello screenshot più sotto, Jonathan è riuscito ad arrivare fino al 13% utilizzando questa tecnica.

Fase 4. Potenziare le Campagne e i Flussi Dopo Aver Soddisfatto i KPI

Questa è la sezione della sua struttura dove Jonathan effettivamente scala. Quando raggiunge il punto in cui ha soddisfatto tutti i suoi KPI, aumenta in modo aggressivo la frequenza di invio delle e-mail.

Se inviava due campagne e-mail a settimana raggiungendo un tasso di apertura del 20% e un CTR dell’1%, aumenta il numero delle campagne e dei flussi. È così che ottiene cifre di fatturato elevate.

Tuttavia, a questo livello non invia campagne costituite solo da vendite flash o promozioni. Si assicura di inviare anche contenuti interessanti per il pubblico.

Fase 5. Ripetere le Fasi 3 e 4 per Ottenere i Risultati Desiderati

È adesso che bisogna raccogliere più dati effettuando un numero maggiore di split test e scalando le combinazioni di e-mail e offerte che hanno successo. Si tratta di esaminare i dati, ottimizzare e potenziare le campagne.

Conclusioni

Queste sono le 5 fasi che Jonathan utilizza per scalare le campagne di e-mail marketing e, come abbiamo visto in questo case study, ha incrementato le entrate del suo cliente generate dalle e-mail da 0 a $126 000 in soli 30 giorni.

Negli ultimi 90 giorni, il suo cliente ha generato $2 100 000 di vendite e il 27% del suo fatturato complessivo è arrivato direttamente dall’e-mail marketing realizzato da Jonathan usando le stesse tecniche che vi abbiamo descritto.

Come Monetizzare un Sito di Viaggi con Programmi di Affiliazione: Caso di Studio da $10 000 al Mese

Siamo giunti al termine di questo articolo e ci auguriamo che vi sia piaciuto e che abbiate imparato qualcosa di nuovo. Assicuratevi di dare un’occhiata agli altri case study presenti sul nostro sito per imparare altre tecniche di guadagno online che funzionano davvero.

Come ti sembra questo articolo?
#klaviyo