28 gennaio 2023 0 372

Intervista alla Fondatrice di BetterMe: Oltre 110 Milioni di Installazioni dell’App, 5 Milioni di Dollari di Entrate Mensili e 200 Dipendenti

Di recente, Oleg Artishuk ha pubblicato un video sul suo canale YouTube in cui intervista la CEO e fondatrice di BetterMe, Victoria Repa. L’imprenditrice ha raccontato il suo percorso da giovane ragazza di un piccolo villaggio della regione del Donetsk a responsabile di una grande azienda che sviluppa applicazioni per dispositivi mobili.

L’intervista ha coperto diverse tematiche:

  • Caratteristiche delle applicazioni Salute e fitness
  • Ban nell’App Store di Apple
  • Gestione del team
  • Prodotti BetterMe, fonti di reddito, dipendenti, numeri


Informazioni su Victoria Repa

Victoria Repa, la fondatrice di BetterMe, è approdata nel settore IT da quello dei beni di largo consumo o FMCG, acronimo di “Fast Moving Consumer Goods” (ha lavorato in Procter & Gamble, poi nella media company Genesis). Nel 2017, pur non avendo una formazione tecnica, ha lanciato il progetto BetterMe, un ecosistema di applicazioni per dispositivi mobili e altri prodotti digitali nella categoria Salute e fitness. Secondo l’imprenditrice, il numero di installazioni totali delle applicazioni per dispositivi mobili dell’azienda nel 2022 supererà i 110 000 000.

Oggi Victoria ha 200 dipendenti e i suoi prodotti sono utilizzati da 10 000 000 di persone ogni mese negli Stati Uniti e in Europa occidentale. Nel 2020, Victoria è stata inclusa nell’elenco europeo di Forbes dei “30 sotto i 30”, nella categoria “Tecnologia”.


Il Percorso dal Settore dei Beni di Largo Consumo Allo Sviluppo di Applicazioni per Dispositivi Mobili

Come abbiamo visto, FMCG è una sigla che indica genericamente i beni di consumo di uso quotidiano, in particolare articoli leggeri e prodotti alimentari che sono relativamente economici e si vendono rapidamente.

Avendo iniziato la sua carriera lavorando alla Procter & Gamble, Victoria si è presto resa conto che era necessario crescere nel campo delle tecnologie informatiche. Dopo aver acquisito conoscenze specialistiche presso la Genesis IT School, ha trovato lavoro in questa azienda. Genesis è una delle più grandi società IT dell’Ucraina, con oltre 1 500 dipendenti in 9 Paesi che creano prodotti per oltre 200 milioni di utenti ogni mese.

Alla Genesis IT School, Victoria ha lavorato come analista nel reparto media. Qui ha acquisito esperienza con il traffico e ha imparato a creare e promuovere contenuti multimediali. Le è stato poi chiesto di creare e testare un progetto che portasse i prodotti per la perdita di peso sul mercato statunitense.

Ha iniziato a gestire una pagina Facebook, sulla quale pubblicava autonomamente articoli e creatività e per la quale comprava i “Mi piace”. In poche parole, Victoria era sia marketer che manager operativo del progetto. I soldi per il traffico le sono stati dati dai committenti del progetto.

Dopo che la pagina ha raggiunto un pubblico di 100 000 iscritti e il traffico ha cominciato a dare i suoi frutti, hanno deciso di trasformarla in un’applicazione.

Victoria ha raccontato che la gestione del progetto è stata affidata completamente a lei e, 3 mesi dopo il lancio, la prima applicazione BetterMe ha iniziato a generare dei profitti. Grazie alle sue eccellenti capacità di gestione del progetto e agli investimenti di Horizon Capital, Victoria è riuscita a far crescere rapidamente l’attività.

Sostiene che né i committenti del progetto né il finanziatore avevano pianificato di investire denaro “a lungo termine”. A suo avviso, all’inizio non c’erano molti soldi e il progetto è andato avanti con il bootstrapping. Questo termine indica un modo di finanziare le piccole imprese attraverso l’acquisizione e l’utilizzo di risorse senza raccogliere capitale proprio da fonti tradizionali o tramite prestiti dalle banche.

Secondo Victoria, nella realtà odierna non è più possibile replicare quanto fatto con BetterMe.

“Oggi non è possibile fare qualcosa di grande senza 10 000 000 di dollari”, ha detto Victoria descrivendo la nicchia dello sviluppo di applicazioni per dispositivi mobili.


Il Lancio Della Prima Applicazione

All’inizio, l’app conteneva solo alcuni allenamenti e articoli con consigli sul fitness. Come ha ammesso lo stesso committente del progetto, inizialmente i contenuti non erano della migliore qualità. Tuttavia, 3 mesi dopo il lancio, l’applicazione è diventata redditizia.

L’azienda sta crescendo a un ritmo così rapido che il suo responsabile ha come obiettivo una capitalizzazione di 100 miliardi di dollari.

Victoria ha spiegato in questo modo quelle che sono le sue ambizioni: “Non mi interesserebbe per niente darmi così da fare per portare l’azienda a 1 miliardo di dollari. L’obiettivo di tutto questo lavoro è arrivare a 100 miliardi.”


BetterMe Oggi

La società di Victoria ha concentrato la propria attività sulle tematiche relative alla salute fisica e mentale delle persone. Oggi dispone di due applicazioni per dispositivi mobili, BetterMe: Health Coach e BetterMe: Mental Health.

L’applicazione “BetterMe: Health Coach” comprende:

  • Varie serie di piani alimentari
  • Allenamenti aerobici e anaerobici di intensità variabile: yoga, boxe ecc.

L’app include molti articoli sulla perdita di peso che descrivono gli aspetti fisiologici e psicologici di questo processo. Ha superato i 10 000 000 di download su Google Play Store.

L’applicazione BetterMe: Mental Health offre diverse tecniche di meditazione, esercizi di respirazione e musica per il rilassamento. Su Google Play Store quest’app ha registrato più di 1 000 000 di installazioni.

Victoria ha raccontato che inizialmente il team voleva creare molte app diverse. Tuttavia, farle arrivare ai vertici si è rivelato un compito difficile, così è stato deciso di abbandonare questa idea e sviluppare due “super app”.

“Quello che avevamo in mente quando abbiamo creato una “super app” era di realizzare un’applicazione multifunzionale”, ha raccontato Victoria.

 

Il team si è posto l’obiettivo di creare non una semplice applicazione per la perdita di peso, ma di integrare il principio “salute = stile di vita” in un’unica piattaforma. In altre parole, l’utente può utilizzare l’applicazione non solo per allenarsi, ma anche per tenere traccia delle calorie e ricevere informazioni utili sull’alimentazione, sui risultati delle ricerche nel campo della salute ecc.

Alla domanda su quale gruppo di utenti delle app, quelli attivi giornalmente o quelli attivi su base mensile, sia più importante per l’azienda, la CEO ha risposto che si tratta di questi ultimi.

In media, sull’App Store di Apple e sul Google Play Store, il numero di utenti attivi mensili è pari a 10 000 000. Questo dato indica il numero di utenti che ogni mese utilizzano le app BetterMe su Android e iOS. Il rapporto tra il traffico proveniente da questi due store è 60/40.

Il team acquista traffico da:

  • Facebook
  • Google
  • TikTok


Struttura del Team

Delle 200 persone che fanno parte del team BetterMe, 100 sono sviluppatori. Inoltre, ognuno si occupa solo delle due app menzionate in precedenza. Le altre 100 persone sono:

  • Addetti al marketing
  • Addetti al servizio clienti
  • Responsabili dei contenuti
  • Avvocati
  • Responsabili delle risorse umane


Coinvolgimento Nello Scandalo Della Condivisione dei Dati con Facebook

Qualche tempo fa, il Wall Street Journal ha pubblicato un articolo sulla trasmissione a Facebook dei dati degli utenti da parte di alcuni sviluppatori di applicazioni per dispositivi mobili. BetterMe era una delle aziende coinvolte in questo scandalo.

La responsabile della società ha dichiarato di essere stata contattata da un giornalista americano che le ha parlato della sua indagine. È emerso che BetterMe ha condiviso con Meta dati degli utenti come genere, peso e informazioni analoghe. Victoria dichiara che l’azienda raccoglie, conserva ed elabora tutti i dati raccolti in conformità con le politiche di Facebook, Google e Apple.

“Sì, le app dedicate alla salute hanno degli svantaggi. Il problema è che raccogliamo dati personali e molto intimi degli utenti. Ma trasferiamo a Facebook solo quelli che sono necessari per ottimizzare le nostre campagne di annunci e che non sono vietati dalle Normative pubblicitarie”, ha assicurato la responsabile della società che sviluppa applicazioni per dispositivi mobili.


Comunicazione con l’App Store di Apple

Nel 2019, Apple ha rimosso dall’App Store le due applicazioni BetterMe. Il motivo, secondo Victoria, era la mancanza di comunicazione tra la loro azienda e Apple. L’app BetterMe, che ormai non poteva più essere considerata piccola in termini di numero di installazioni, ha ricevuto un’e-mail da Apple. Si trattava di una richiesta di eliminazione di alcuni errori, a causa dei quali Apple ha semplicemente rimosso l’applicazione dallo store.

Il problema è stato risolto abbastanza rapidamente e l’applicazione è stata reinserita nell’App Store. Utilizzando questo esempio, Victoria ha segnalato a tutti gli sviluppatori di applicazioni per dispositivi mobili che, man mano che l’azienda cresce, è necessario rafforzare la comunicazione con i giganti di questo settore.

Victoria ha descritto così la struttura di questi colossi: “Google, Facebook e Apple sono strutturati in modo tale che i reparti che si occupano della conformità ai loro standard non si interessano assolutamente di quanto traffico compriate. Sono completamente autonomi nell’ambito di queste aziende e svolgono con chiarezza le loro funzioni.”

Secondo Victoria, la foto qui sotto, con Tim Cook (CEO di Apple) al centro e Victoria Repa a sinistra, dimostra che la comunicazione deve essere migliorata.


Monetizzazione di BetterMe

La principale fonte di reddito dell’azienda è costituita dagli abbonamenti alle applicazioni per dispositivi mobili. Il progetto ha anche un proprio merchandising, ma, secondo Victoria, rappresenta una parte molto piccola delle entrate totali.

Il fatturato medio mensile dell’azienda è di 5 000 000 di dollari, ma ogni mese questa cifra può variare significativamente sia in difetto che in eccesso. Secondo Victoria, le stagioni sono un fattore che incide profondamente sui profitti.

La responsabile della società ha confidato questa “informazione aziendale”: “A giudicare dalla dinamica delle nostre entrate, posso dire che le persone iniziano a perdere peso e a prendersi cura di sé cominciando il primo giorno del mese e il lunedì.”


Informazioni Sulla Concorrenza

Victoria è sicura che nella categoria “Salute e fitness” l’applicazione della sua azienda non abbia concorrenza. Ritiene che a contendersi le menti e il tempo degli utenti siano Netflix e altri importanti servizi in streaming, nonché il settore dei videogiochi e quello del porno.

“Per la gente è più facile immergersi nella natura, bere ayahuasca, o mangiare funghi che nutrirsi correttamente in modo sistematico, strutturato e disciplinato e monitorare la propria salute”, si è lamentata Victoria a proposito di quelli che sono i valori della società attuale.

 


Conclusioni

Il caso di Victoria Repa conferma l’idea che l’ambizione può aiutare una persona ad avere successo negli affari. Lontana dall’ambito dello sviluppo di applicazioni per dispositivi mobili, questa ragazza è riuscita a entrare in un grande team del settore IT, ad attrarre investimenti e a lanciare sul mercato un prodotto capace di generare dei buoni guadagni.

“Chiedete l’impossibile: otterrete il massimo”: la rilevanza di questo principio, formulato da Napoleone Bonaparte più di 200 anni fa, è ancora attuale. Ci auguriamo che l’esperienza di Victoria ispiri molti imprenditori a raggiungere i propri obiettivi di business.

Come ti sembra questo articolo?
#imprenditorialità