30 aprile 2023 0 135

Come Sapere qual è il Momento Giusto per Cambiare le Creatività e il Pubblico di Facebook per Evitare l’Affaticamento Pubblicitario degli Annunci di Facebook

Quasi tutti gli inserzionisti di Facebook si sono trovati in una situazione in cui le prestazioni degli annunci diminuiscono gradualmente dopo diversi giorni senza nemmeno apportare modifiche significative all'impostazione della campagna. Di solito, la maggior parte delle persone dice che le loro campagne su Facebook stanno morendo. Quello che succede qui è qualcosa che si chiama affaticamento pubblicitario (ad fatigue).

L’affaticamento pubblicitario è la situazione in cui il pubblico di destinazione si è stancato di vedere il tuo annuncio, dopodiché puoi notare un aumento del CPA (costo per acquisizione) e un calo della ROAS (ritorno sulla spesa pubblicitaria).

E non suona bene, non è vero?

Quindi, in questo articolo, condividiamo i suggerimenti di Artur Razdorozhnyi, un esperto di e-commerce e annunci Facebook dalla Polonia, che affronta il problema dell’affaticamento pubblicitario e condivide suggerimenti su come predeterminare la situazione prima che accada, cosa guardare e cosa fare quando inizia a succedere in modo da potere mantenere le tue campagne in positivo.

Informazioni sull’affaticamento pubblicitario di Facebook

L’affaticamento pubblicitario di Facebook si verifica quando la frequenza degli annunci è troppo alta, costringendo il pubblico di destinazione a visualizzare ripetutamente gli stessi annunci. Quando i consumatori guardano gli stessi annunci pubblicitari più e più volte, le loro prestazioni ne risentono, e questo è l’affaticamento pubblicitario. L’affaticamento pubblicitario influirà su parametri importanti come il costo per 1000 impressioni (CPM) e il ritorno sulla spesa pubblicitaria (ROAS). Ogni campagna, non importa quanto sia efficace, alla fine incontrerà stanchezza creativa e pubblicitaria.

Spesso vediamo post nei gruppi di Facebook o articoli di blog che ci consigliano di controllare la frequenza degli annunci, ma Artur suggerisce che ciò non è del tutto corretto. Lui sostiene che l'alta frequenza non è di per sé un indicatore. Gli annunci di Facebook possono ancora funzionare bene con frequenze di 10, 20 e più.

Come analizzare l’affaticamento pubblicitario di Facebook

Per analizzare l’affaticamento pubblicitario, dobbiamo analizzarlo allo stesso modo di tutti gli altri casi di analisi pubblicitaria. Dobbiamo tenere conto della correlazione di diverse metriche.

Artur ha escogitato una semplice teoria per analizzare l’affaticamento pubblicitario che è:

Se la frequenza delle impressioni cresce contemporaneamente alla crescita delle interazioni, è più probabile che le tue prestazioni crescano prima di raggiungere il picco.

Se la frequenza aumenta e le interazioni diminuiscono, si può presumere che sia stata raggiunta la saturazione del pubblico e che siano iniziate le visualizzazioni ripetute.

E questo è un segnale che l’affaticamento pubblicitario inizia a prendere il sopravvento e che bisogna fare qualcosa.


Come trattare l'affaticamento pubblicitario su Facebook

Artur ha escogitato due principi che possono aiutare a risolvere qualsiasi caso di affaticamento pubblicitario sia per le campagne di acquisizione che per il retargeting:

  1. Se riscontri affaticamento pubblicitario nelle campagne di retargeting con un obiettivo di raggiungimento, di solito è metà della canalizzazione, puoi imposta una quota limite personalizzata nelle impostazioni di Adset.
  2. Se accade con la campagna di acquisizione, ci sono diverse opzioni a seconda della situazione che sono spiegate di seguito:

Nota: nella campagna di acquisizione, non dimenticare di escludere le persone che hanno già acquistato, già sottoscritto o effettuato un evento di conversione sul tuo sito web. Molti fanno questo errore.

Ecco i 3 modi per sbarazzarsi dell’affaticamento pubblicitario:

1. Espandi il targeting del tuo pubblico

Se disponi di dati sufficienti in ad set per ottimizzare la pubblicazione degli annunci e c'è un'opportunità per espandere il targeting del pubblico, è giunto il momento di farlo.

2. Aggiungi nuova creatività, aggiorna il testo pubblicitario e prova nuovi formati di annunci

Quando noti segni di affaticamento pubblicitario, è sempre meglio impostare 3-4 creatività pubblicitarie in un ad set, quindi quando si verifica l'affaticamento pubblicitario e l'efficacia dell'annuncio diminuisce, Facebook reindirizza automaticamente la copertura alla seconda creatività pubblicitaria vincente. Ed è più efficiente che farlo manualmente.

Ma quando vedi che tutte le creatività vincenti si sono esaurite dopo un po' di tempo in cui l’ad set funziona, prova prima ad aggiungere nuove creatività e vedi se questo risolve la situazione, poiché nella maggior parte dei casi dà una seconda spinta. Poiché si sono accumulati dati nell’ad set, non spenderai di nuovo il budget per la fase di apprendimento. Ma a volte accade anche che l'aggiunta di nuove creatività in un ad set che funziona limita soltanto per un po' il calo dei risultati, ma non cambia la situazione. In questo caso, vale la pena di rilanciare gli ad set con nuove creatività pubblicitarie.

3. Modificare il messaggio

Nei casi con budget elevati o quando si esegue una campagna per un po' di tempo, potresti scoprire che anche la modifica delle creatività degli annunci non aiuta molto. Ciò potrebbe significare che il pubblico si è stancato del tuo messaggio e soltanto modificandolo sarai in grado di migliorare le tue prestazioni. Ecco perché testiamo sempre nuovi messaggi, anche se stiamo ottenendo ottimi risultati.


Conclusioni

I suggerimenti condivisi sopra da Artur Razdorozhnyi ti aiuteranno a dare una scossa ai tuoi annunci di volta in volta in modo da potere offrire a te stesso o ai tuoi clienti un'esperienza più unica e versatile.

C'è di più per gestire una campagna Facebook di successo che sapere come indirizzare il pubblico giusto e come creare una copia per ogni fase della canalizzazione dell'acquirente.

In un ambiente in cui le creatività pubbclicitarie e il pubblico rimangono gli stessi per lunghi periodi, l'affaticamento pubblicitario è un problema molto reale e complicato. Sebbene tu voglia continuare ad aumentare le tue possibilità di acquisto da un lead (cliente potenzialmente interessato), non vuoi perseguitarlo con la stessa offerta ogni giorno.

Come ti sembra questo articolo?