25 aprile 2023 0 262

Anatomia di un Truffatore: “Sono Passato dall’Essere un Ragazzo Qualunque a Guadagnare Milioni su Internet.” — Anton Redkin

Recentemente, un canale YouTube di denuncia chiamato “Ministry of Truth” ha realizzato un video accusando un certo Anton Redkin di essere un truffatore online che si spaccia pubblicamente per affiliato e vende falsi corsi ad un pubblico di giovani, promettendo loro che diventeranno affiliati di successo come lui.

Anton Redkin è finito nel mirino di Ministry of Truth ed è stato smascherato in un video di YouTube che mostra come ha messo in atto le truffe. In questo articolo vi presentiamo le ricerche svolte da Ryuk che hanno dimostrato che Anton è un truffatore. Potrete vedere come sia riuscito a convincere centinaia di persone ad acquistare i suoi corsi sull’affiliate marketing, la recensione di uno studente che ha acquistato il corso per 120 000 rubli (1 900 dollari) e le delusioni che gli acquirenti hanno avuto dopo aver pagato una cifra del genere.

“Vi dimostrerò perché Anton Redkin è un truffatore”, Ryuk, il proprietario del canale YouTube Ministry Of Truth.


Chi è Anton Redkin?

Anton è un ragazzo che proviene da una famiglia benestante, i cui “successi” sono tutti finanziati dal padre. Online si presenta come:

  • Un influencer di Instagram
  • Un marketer online
  • Il proprietario di una Lamborghini
  • E semplicemente un fan dei capelli assurdi

Nella descrizione del suo profilo Instagram, Anton ha sottolineato che guadagna mentre guida la sua Lamborghini nel traffico.

L’imprenditore ha costruito il suo personaggio online presentandolo come qualcuno che aiuta i “ragazzi comuni” a guadagnare con il marketing su internet proprio come fa lui stesso. In altre parole, Anton insegna come fare soldi online.

Nel 2013, voleva diventare un attore. Le ricerche di Ministry of Truth mostrano che non ha mai pubblicato il suo curriculum sui siti web dove si possono trovare offerte di lavoro nel settore della recitazione. Tuttavia, Anton è riuscito a rivelare il suo talento in questo campo sui canali di social media come Vine, comparendo con il soprannome di “Redtonie” nei video della piattaforma che all’epoca erano popolari.

Ha ottenuto milioni di visualizzazioni con i suoi video brevi, dato che questi contenuti sono sempre stati di tendenza.

Il percorso imprenditoriale di Anton

Nell’ottobre del 2021, ha pubblicato un annuncio di lavoro per un operatore di call center presso un salone di depilazione laser. Tuttavia, la sua azienda risulta registrata per due tipi di attività:

  • Servizi erogati dalle agenzie pubblicitarie;
  • Servizi di formazione complementare per bambini e adulti.

Ciò indica che l’azienda è registrata principalmente per la promozione di corsi online.

Promozioni sui social media

Anton ha iniziato la sua carriera quando era ancora all’università. In un’intervista, ha detto di aver offerto ad amici e compagni di corso di acquistare le promozioni e gli shoutout da lui.

Secondo Ryuk, la pagina di Anton sui social media era di bassa qualità:

“Ha intascato un sacco di soldi per delle schifezze. Pertanto, la vendita di promozioni può essere considerata la sua prima vera truffa.”

Dopo la laurea, Anton è scomparso dallo scenario mediatico per un po’ di tempo.

L’entrata nel settore dell’affiliate marketing

Il grande trend dei corsi di formazione sull’affiliate marketing non poteva sfuggire alla sua attenzione. E puntualmente, quello che fino a poco tempo prima era l’amministratore di popolari pagine sui social media ha cambiato carriera diventando un affiliato esperto.

La prima apparizione di Redkin nello spazio mediatico come affiliato è avvenuta nelle storie e nei vlog di Maiorca.

Grazie alle sue apparizioni in compagnia di esperti famosi, il suo nuovo account Instagram ha raggiunto i 30 000 follower in un periodo relativamente breve.

Anton ha monetizzato per la prima volta il suo pubblico vendendo un corso su come creare e promuovere la propria pagina sui social media e guadagnare.

Il famigerato Sunat Makhkamboev (un altro guru) era coinvolto nella promozione e nella vendita del corso di Anton. Non è ancora chiaro se gli acquirenti siano stati in grado di guadagnare promuovendo le proprie pagine in base alle informazioni fornite dal corso. Di certo c’è solo il fatto che Redkin e la sua azienda sono riusciti a “fare qualche soldo” dalle sue vendite.

Anton Redkin aveva un partner chiamato Pavel Pasha, con il quale ha lanciato tutti i suoi progetti di infobusiness. A giudicare dalle informazioni presenti su internet, Pavel è un “truffatore ancora più sofisticato” di Anton, ma a differenza di quest’ultimo, conduce una vita meno pubblica. Per questo motivo, i due lanciano tutti i progetti dagli account di Anton.

Sui social network, Pavel si presenta come un imprenditore che si è fatto da sé.

Proprietà delle Lamborghini

Il canale ha fornito screenshot che confermano la proprietà di una notevole flotta di auto di alta gamma da parte della famiglia Redkin. Inoltre, il padre del truffatore è proprietario di diverse grandi imprese, tra cui una che si occupa della produzione di petrolio.

“Spero che la maggior parte di voi non abbia più dubbi”, viene detto nel video di Ministry of Truth.

Dopo un po’ di tempo, l’account Instagram di Anton è stato promosso da Pavel con strategie dubbie e ha raggiunto i 150 000 follower. I ragazzi hanno quindi deciso di promuovere i loro corsi sull’affiliate marketing a questo pubblico.

Anton ha cambiato la sua carriera da amministratore di pagine social ad affiliato, e non un semplice affiliato, ma uno con 6 anni di esperienza.

A giudicare dalle recensioni relative al corso, molte persone lo hanno acquistato basandosi su influencer famosi.

Da ciò possiamo concludere che per ottenere un traffico mirato, i ragazzi hanno investito molto nella promozione e hanno coinvolto tutti i canali possibili.

Nel video di Ministry of Truth viene affermato che Anton e Pavel non sapevano assolutamente nulla di media buying. Un giorno hanno incontrato Andrey Sidoropulo, proprietario di un’agenzia di marketing online, che ha insegnato loro alcune cose sull’affiliate marketing. A quel punto i due ragazzi hanno avuto l’idea di vendere corsi su questo argomento.

Andrey Sidoropulo vendeva dei corsi che insegnavano come fare pubblicità su Facebook, mentre l’idea di Anton e Pavel riguardava la promozione con Google, quindi i loro prodotti non erano in diretta concorrenza tra loro. Per questo motivo, Andrey li ha aiutati a creare il corso, che è stato promosso sui canali social.

In merito ai ruoli assunti nella creazione e promozione del corso, nel video di Ministry of Truth viene dichiarato quanto segue:

“Anton è stato colui che l’ha promosso: gran parte della promozione è stata fatta sul suo account. Un esperto media buyer ha creato il corso, e Pavel è stato l’anello di congiunzione e la mente del team.”


La vendita del corso

Per vendere il corso, Anton ha elaborato delle storie sulle vendite, una tattica classica utilizzata da molti venditori di corsi come Tai Lopez. Anton ha creato contenuti che spiegano cosa sia il marketing di affiliazione e quanto possa far guadagnare, e ha presentato case study di successo. In una delle storie presentate, racconta di aver pubblicizzato una nuova offerta per un servizio di streaming, guadagnando 160 000 rubli (2 500 dollari) in pochi giorni e di voler scalare tale campagna.

Naturalmente, ha mostrato un account personale con gli “importi guadagnati”, che per le persone che non si occupano di affiliate marketing è risultato molto difficile da leggere e analizzare.

I primi video di Anton mostravano chiaramente che era un dilettante in materia di marketing di affiliazione.

La seconda fase è stata un test pianificato che ha promosso come se volesse scoprire se una persona comune senza conoscenze di affiliate marketing potesse guadagnare molti soldi dopo aver imparato da lui. A tal fine, ha promesso che avrebbe scelto una persona tra gli iscritti per partecipare a questo esperimento.

Ha anche creato delle false competizioni tra i suoi corsisti per il titolo di miglior allievo (si trattava anche in questo caso di finti studenti).

Successivamente, ha mostrato il trasferimento del team in un nuovo ufficio, che sosteneva di aver preso in affitto per 500 000 rubli (8 000 dollari) al mese, nel centro direzionale di Mosca.

Anton ha anche presentato dei case study sui guadagni dei suoi studenti. Sosteneva che generavano settimanalmente dai 40 000 ai 60 000 rubli (650-1 000 dollari), già dopo la prima settimana di corso.

Vendeva il suo corso sull’affiliate marketing sulla base di 4 diverse fasce di prezzo. Il costo più basso partiva da 1 900 dollari.

Il corso si basava sull’invio di traffico a offerte di reti di affiliazione che si sosteneva fossero già testate e collaudate. Le informazioni fornite ai corsisti erano tratte da contenuti open source e avevano poco a che fare con i guadagni realmente ottenibili, dato che le offerte proposte erano già state promosse da altri affiliati che avevano saturato il mercato.

Gli organizzatori del corso hanno inviato agli studenti i link di affiliazione delle offerte per le quali il mercato era già saturo in un unico grande archivio zippato. Anton e i suoi partner non hanno fornito loro alcuna istruzione su come utilizzarli o prove della loro efficacia.

Il secondo corso

Il secondo corso che Anton ha lanciato riguardava la pubblicità su Facebook. Il contenuto era simile a quello precedente. Includeva esercitazioni gratuite sulle inserzioni di Facebook, consultabili ovunque online, e mostrava come promuovere i link di affiliazione su questa piattaforma. Agli studenti sono stati presentati anche tutorial sull’acquisto di traffico su TikTok, Instagram e Telegram.

Secondo il video di Ministry of Truth, nessuno dei link di affiliazione ha funzionato e nessuno degli studenti ha riferito di aver guadagnato denaro. Gli studenti che si lamentavano venivano solitamente bannati e rimossi dalla chat di gruppo del corso.

Anton e i suoi partner hanno risposto agli altri corsisti che tutti i link funzionavano e che non era colpa loro se gli studenti non erano in grado di usarli per guadagnare.

Nel video di Ministry of Truth viene citato lo scambio di messaggi tra uno degli studenti che intendeva presentare un reclamo ufficiale contro il corso di formazione che aveva acquistato e Anton Redkin. Potete vedere la corrispondenza nel carosello.

Nel video viene anche menzionata una conversazione tra l’assistente di Anton e uno studente di uno dei suoi corsi di formazione, in cui il corsista si lamentava del fatto che nulla di quanto promesso nella pagina di vendita del corso era vero, dall’incontro personale con Anton alla fornitura di una campagna redditizia. Per riassumere tutte le considerazioni che ha fatto in merito al corso acquistato, possiamo usare una delle sue frasi:

“Ci hanno dato informazioni di base e non si sono fatti più vedere.”


Conclusioni

Anton Redkin è stato smascherato grazie alle indagini di Ministry of Truth che hanno dimostrato che è un “truffatore” appartenente a un ben nutrito gruppo di raggiratori che operano nell’infobusiness. L’unica cosa che lo distingue da altri frodatori russi attivi nel settore dell’affiliate marketing, come Andrei Sidoropulo e Sorunat Makhkamboev, è che proviene da una famiglia benestante. Il capitale iniziale per la promozione dei corsi non è stato ricavato dalle sue attività di marketing di affiliazione, ma dai soldi provenienti dal petrolio del padre.

Come ti sembra questo articolo?
#corsi truffa